Esami e concorsi: quale spazio per il controllo del giudice amministrativo

Autore: Umberto Fantigrossi
Chi ha poca dimestichezza con la giustizia amministrativa spesso giudica negativamente le notizie di stampa che riportano casi di sentenze di Tribunali amministrativi regionali (TAR) o in grado d’appello del Consiglio di Stato che annullano gli esiti di un concorso o la bocciatura ad una prova d’esame o all’esito di un anno scolastico. Sembra predominante l’idea che le valutazioni delle commissioni esaminatrici rappresentino l’esercizio di una competenza esclusiva e quindi non sindacabile, nel merito, nell’ambito di un processo, pena la sostanziale “sostituzione” di coloro preposti alla valutazione da parte dei giudici, i quali non posseggono la competenza nelle varie discipline oggetto dell’esame o delle prove del concorso. Un esame più attento della questione consente però di arrivare non solo a…

Varato il nuovo organismo anticorruzione della regione Lombardia. Intervista a uno dei suoi componenti

Nella seduta del 9 luglio scorso il Consiglio regionale della Lombardia, su proposta del presidente Attilio Fontana e della Giunta, ha nominato i nove componenti dell’Organismo Regionale Anti Corruzione (Orac) tra magistrati, militari e professionisti. Incontriamo uno degli autorevoli membri in questa intervista. L’Organismo è stato istituito con la Legge regionale n. 13 del 2018, sostituendo e riunendo le competenze di Arac, del Comitato controlli e del Comitato per la legalità e la trasparenza. Ha il compito di vigilare sulla trasparenza e la regolarità degli appalti e sulla fase esecutiva dei contratti, di valutare e rafforzare l’efficacia del sistema dei controlli interni oltre che supportare nell’attuazione e nell’aggiornamento dei piani di prevenzione. L’Orac, in base alla legge istitutiva disporrà di…

Disservizi pubblici: la difficile tutela degli utenti

Autore: Umberto Fantigrossi
Tutti noi quotidianamente usufruiamo di servizi che siamo abituati a definire “pubblici”, anche se, in molti settori, alla loro erogazione provvedono imprese private e il senso del loro essere di interesse collettivo si è progressivamente eroso. Quando subiamo un disservizio, non solo in via occasionale, ma anche in forma cronica, è assai raro che si vada oltre il generico reclamo e si prenda la via del ricorso alla giustizia. Eppure gli strumenti, in via teorica e stando alla normativa vigente, non mancano ed anzi appaiono addirittura sovrabbondanti. *** La Corte di Cassazione, con una recente sentenza delle Sezioni Unite (n. 33209 del 21 dicembre 2018) ha riaffermato che l’utente di un servizio pubblico può agire davanti al giudice amministrativo se…

L’algoritmo nelle PA si impugna al TAR

Autore: Umberto Fantigrossi
Quando una procedura amministrativa viene automatizzata, ma l’algoritmo, cioè il software che la fa operare, è male impostato e produce risultati irragionevoli o in contrasto con la legge, il rimedio è quello di considerarlo alla stregua di qualsiasi atto amministrativo e di impugnarlo al Tar. Questo è l’importante principio accolto dal Consiglio di Stato, con la recente sentenza della Sesta Sezione n. 2270/2019. *** La questione è stata sollevata da docenti della scuola secondaria di secondo grado, che avevano partecipato alla procedura di assegnazione delle sedi di servizio, in applicazione del piano straordinario nazionale di cui alla legge n. 107/2015. Il Ministero aveva automatizzato l’intera procedura, il cui concreto funzionamento aveva dato luogo a situazioni paradossali, per cui docenti con…

La giustizia digitale frenata dal formalismo: tre esempi dalle cronache giudiziarie

La richiesta delle corti amministrative di rendere permanente l’obbligo di deposito delle copie cartacee e due sentenze di Cassazione sull’utilizzo della PEC manifestano il paradosso che vive la giustizia digitale, incerta tra la necessità di evolvere tecnologicamente e un formalismo che ne impedisce lo sviluppo. La giustizia digitale vive un paradosso: da una parte si comprende l’importanza dell’uso della tecnologia per velocizzare e snellire i processi e le procedure giudiziarie, dall’altra la digitalizzazione è frenata da un generale formalismo. La tendenza si riscontra nell’ambito amministrativo, civile e penale, per esempio con la richiesta avanzata al Governo di rendere permanente l’obbligo di deposito delle copie cartacee, nonché in due sentenze di Cassazione sull’uso della PEC. Se infatti c’è un elemento comune tra…

Attività di comunicazione della PA: una battaglia per aprire il mercato

di Rita Palumbo Giornalismo e comunicazione: un rapporto non sempre semplice di cui si parla da tempo. Questa settimana Rita Palumbo ospita nella sua rubrica un intervento sul tema dell’Avvocato Umberto Fantigrossi. Ogni giorno, nella pubblica amministrazione assistiamo a bandi con offerte di lavoro per attività che richiedono competenze proprie del comunicatore, ma riservate soltanto agli iscritti all’Ordine. Una situazione diffusa che apre però a ricadute negative sull’occupazione e sulla qualità delle prestazioni. Il nodo centrale riguarda le pari opportunità di accesso alla PA, precisando che la questione non è una contrapposizione tra giornalisti e comunicatori, ma di ruolo, funzioni e competenze specifiche. Con queste motivazioni Ferpi ha presentato un esposto all’Antitrust, accompagnata dall’Avv.Umberto Fantigrossi, esperto in materia e consulente…

Processi più efficaci e Adr per gli appalti, le scommesse dell’Unaa

l pacchetto delle proposte di riforma della giustizia amministrativa sottoposto all’Assemblea del terzo congresso dell’Unione nazionale avvocati amministrativisti tenutosi a Bologna il 19 e 20 ottobre scorsi, comprende sette elaborati. Se ne era iniziato a parlare nel 2016, in una riunione congiunta fra il Consiglio Direttivo di Unaa e il comitato tecnico scientifico organizzata a Firenze dal Prof. Morbidelli. Un congresso che si è sviluppato intorno al tema “Giustizia amministrativa, un servizio accessibile per un Paese migliore”, e che ha visto la discussione incentrata sulle proposte di riforma degli avvocati amministrativisti. Continua la lettura cliccando qui…

No alla giustizia a pagamento

Il professor Cottarelli in un’intervista al quotidiano Libertà di qualche giorno fa ha sostenuto che la crisi della giustizia ed in particolare il problema della lentezza dei processi si risolve alzando le tasse di ricorso. In questo modo, a suo dire, verrebbero eliminate le cause c.d. bagatellari e resterebbero sul campo solo le questioni di una certa rilevanza economica, alla cui risoluzione si potrebbero più proficuamente dedicare i giudici e gli avvocati. Un discorso di apparente buonsenso, ma che ha delle controindicazioni importanti, sia dal lato dei principi fondamentali del nostro Stato di diritto, sia da quello delle conseguenze pratiche. Volendo partire da queste ultime,ci si dovrebbe chiedere cosa ne sarebbe di tutte quelle situazioni in cui chi ha subito…

L’avvocato amministrativista: chi è costui?

Dobbiamo ammetterlo, la nostra figura professionale è sconosciuta ai più. Mentre tutti sanno – più o meno –  cosa fa un civilista o un penalista, la nostra specializzazione è nota solo in ambito strettamente forense. In altri tempi, essere “di nicchia” poteva essere addirittura un vantaggio, ma oggi, in un contesto di maggiore competizione, è senz’altro necessario avere un’immagine sociale positiva, sia come singolo  sia come gruppo professionale. Provo qui di seguito ad indicare quali aspetti potrebbero essere oggetto di azioni di comunicazione, da porre in essere in ambito associativo o come singoli, che colmino questo deficit informativo e concorrano a sostenere la domanda delle nostre prestazioni professionali. In primo luogo, si potrebbe evidenziare il profilo strategico del nostro intervento…

Contatti

FANTIGROSSI STUDIO LEGALE

sede di MILANO

CORSO DI PORTA VITTORIA, n.17
20122 MILANO
TEL. 02.86450084 - FAX 02.867613
studiolegale@fantigrossi.it

FANTIGROSSI STUDIO LEGALE

sede di PIACENZA

LARGO MATTEOTTI, n.7 – PALAZZO BORSA
29121 PIACENZA
TEL. 0523.336694 - FAX 0523.335956
piacenza@fantigrossi.it

Seguici

© 2020 Fantigrossi Studio Legale - P.Iva/C.F.: 00406130336- Privacy Policy