“Burocrazia zero”, oltre lo slogan: le tre aree da aggredire per una nuova PA

Autore: Umberto Fantigrossi
La burocrazia non può essere abolita, ma sicuramente si può limitare e migliorare. Per cominciare, sono tre gli ambiti da considerare: l’organizzazione, l’esercizio delle funzioni amministrative, i mezzi (uomini e tecnologie). Gli step per farcela La stagione dell’emergenza sanitaria è contrassegnata, dal punto di vista istituzionale, da un paradosso. L’azione di contenimento e contrasto richiede rapidità nelle azioni e adempimenti amministrativi ridotti al minimo e quindi poche e chiare regole di funzionamento degli apparati. La novità assoluta e la gravità dell’emergenza hanno però innescato una produzione normativa torrenziale e mostrato i limiti di un sistema amministrativo già segnato da arretratezze e mali cronici. Normativa che rappresenta una forma di “amministrazione per legge” che riduce di molto lo spazio per la…

La tutela dei malati mentali cronici: la ripartizione delle rette di degenza delle R.S.D.

Autore: Valeria Fantigrossi
Il presente approfondimento riguarda la tutela di tutti coloro che soffrono di una disabilità di tipo intellettivo, mentale e neurologico, di gravità tale da doversi rendere necessaria un’assistenza continuativa all’interno di una Residenza Sanitaria Assistenziale, in regime, dunque, residenziale o semi-residenziale.

Tutela della salute e privacy: quale equilibrio tra lotta alla pandemia e diritti delle persone

Autore: Umberto Fantigrossi
L’approccio della normativa nazionale all’uso dei dati personali relativi ai telefoni cellulari per contrastare la diffusione del Covid-19 appare poco meditato e scarsamente adeguato. Le garanzie per le persone vanno rafforzate e precisate e un ruolo di indirizzo e controllo va assegnato al garante privacy Anche in Italia è imminente l’utilizzo delle tecnologie dell’informazione per la lotta alla diffusione del coronavirus, come è avvenuto in molti altri paesi, in particolare in Cina. Si parla in particolare della possibilità di tracciare lo spostamento dei contagiati, ma non solo di questi, anche al fine di rafforzare i controlli sul rispetto dei divieti imposti dall’emergenza sanitaria. Queste tecniche prevedono e consentono la raccolta di enormi volumi di dati, con rischi notevoli per la…

Giustizia digitale, così l’emergenza può aiutare l’innovazione

Autore: Umberto Fantigrossi
L’emergenza legata al coronavirus ha un impatto anche sulla giustizia, con la sospensione delle udienze non urgenti: la situazione porta a valutare una più ampia adozione della tecnologia nel settore. L’emergenza sanitaria legata al coronavirus ha fermato anche la giustizia italiana: rimangono confermati solo i processi urgenti. Intanto, si sta assistendo a qualche tentativo di un più ampio utilizzo dell’informatica nel settore. Del resto, in una situazione complessivamente drammatica, con giudici e avvocati tra i contagiati, e Palazzi di giustizia ora deserti, è innegabile che si apra una prospettiva di accelerazione nell’utilizzo del digitale e, in particolare, nel lavoro a distanza. Avanguardia è di nuovo il Tribunale di Milano che ha varato i processi in direttissima in modalità online, via…

Esami e concorsi: quale spazio per il controllo del giudice amministrativo

Autore: Umberto Fantigrossi
Chi ha poca dimestichezza con la giustizia amministrativa spesso giudica negativamente le notizie di stampa che riportano casi di sentenze di Tribunali amministrativi regionali (TAR) o in grado d’appello del Consiglio di Stato che annullano gli esiti di un concorso o la bocciatura ad una prova d’esame o all’esito di un anno scolastico. Sembra predominante l’idea che le valutazioni delle commissioni esaminatrici rappresentino l’esercizio di una competenza esclusiva e quindi non sindacabile, nel merito, nell’ambito di un processo, pena la sostanziale “sostituzione” di coloro preposti alla valutazione da parte dei giudici, i quali non posseggono la competenza nelle varie discipline oggetto dell’esame o delle prove del concorso. Un esame più attento della questione consente però di arrivare non solo a…

Varato il nuovo organismo anticorruzione della regione Lombardia. Intervista a uno dei suoi componenti

Nella seduta del 9 luglio scorso il Consiglio regionale della Lombardia, su proposta del presidente Attilio Fontana e della Giunta, ha nominato i nove componenti dell’Organismo Regionale Anti Corruzione (Orac) tra magistrati, militari e professionisti. Incontriamo uno degli autorevoli membri in questa intervista. L’Organismo è stato istituito con la Legge regionale n. 13 del 2018, sostituendo e riunendo le competenze di Arac, del Comitato controlli e del Comitato per la legalità e la trasparenza. Ha il compito di vigilare sulla trasparenza e la regolarità degli appalti e sulla fase esecutiva dei contratti, di valutare e rafforzare l’efficacia del sistema dei controlli interni oltre che supportare nell’attuazione e nell’aggiornamento dei piani di prevenzione. L’Orac, in base alla legge istitutiva disporrà di…

Disservizi pubblici: la difficile tutela degli utenti

Autore: Umberto Fantigrossi
Tutti noi quotidianamente usufruiamo di servizi che siamo abituati a definire “pubblici”, anche se, in molti settori, alla loro erogazione provvedono imprese private e il senso del loro essere di interesse collettivo si è progressivamente eroso. Quando subiamo un disservizio, non solo in via occasionale, ma anche in forma cronica, è assai raro che si vada oltre il generico reclamo e si prenda la via del ricorso alla giustizia. Eppure gli strumenti, in via teorica e stando alla normativa vigente, non mancano ed anzi appaiono addirittura sovrabbondanti. *** La Corte di Cassazione, con una recente sentenza delle Sezioni Unite (n. 33209 del 21 dicembre 2018) ha riaffermato che l’utente di un servizio pubblico può agire davanti al giudice amministrativo se…

L’algoritmo nelle PA si impugna al TAR

Autore: Umberto Fantigrossi
Quando una procedura amministrativa viene automatizzata, ma l’algoritmo, cioè il software che la fa operare, è male impostato e produce risultati irragionevoli o in contrasto con la legge, il rimedio è quello di considerarlo alla stregua di qualsiasi atto amministrativo e di impugnarlo al Tar. Questo è l’importante principio accolto dal Consiglio di Stato, con la recente sentenza della Sesta Sezione n. 2270/2019. *** La questione è stata sollevata da docenti della scuola secondaria di secondo grado, che avevano partecipato alla procedura di assegnazione delle sedi di servizio, in applicazione del piano straordinario nazionale di cui alla legge n. 107/2015. Il Ministero aveva automatizzato l’intera procedura, il cui concreto funzionamento aveva dato luogo a situazioni paradossali, per cui docenti con…

La giustizia digitale frenata dal formalismo: tre esempi dalle cronache giudiziarie

La richiesta delle corti amministrative di rendere permanente l’obbligo di deposito delle copie cartacee e due sentenze di Cassazione sull’utilizzo della PEC manifestano il paradosso che vive la giustizia digitale, incerta tra la necessità di evolvere tecnologicamente e un formalismo che ne impedisce lo sviluppo. La giustizia digitale vive un paradosso: da una parte si comprende l’importanza dell’uso della tecnologia per velocizzare e snellire i processi e le procedure giudiziarie, dall’altra la digitalizzazione è frenata da un generale formalismo. La tendenza si riscontra nell’ambito amministrativo, civile e penale, per esempio con la richiesta avanzata al Governo di rendere permanente l’obbligo di deposito delle copie cartacee, nonché in due sentenze di Cassazione sull’uso della PEC. Se infatti c’è un elemento comune tra…

Contatti

FANTIGROSSI STUDIO LEGALE

sede di MILANO

CORSO DI PORTA VITTORIA, n.17
20122 MILANO
TEL. 02.86450084 - FAX 02.867613
studiolegale@fantigrossi.it

FANTIGROSSI STUDIO LEGALE

sede di PIACENZA

LARGO MATTEOTTI, n.7 – PALAZZO BORSA
29121 PIACENZA
TEL. 0523.336694 - FAX 0523.335956
piacenza@fantigrossi.it

Seguici

© 2020 Fantigrossi Studio Legale - P.Iva/C.F.: 00406130336 - Privacy Policy