Riforma della giustizia e ruolo degli avvocati

Pubblicato: 07 Giugno 2021 - Autore: Umberto Fantigrossi

Egregio Direttore,

sono rimasto stupito che il dott. Armando Spataro, illustre magistrato, nel suo intervento sulla separazione delle carriere, abbia affermato che la parità tra pubblico ministero e difensore “non sussiste sul piano istituzionale”, in quanto a differenza del primo “l’avvocato è un privato professionista vincolato dal solo mandato a difendere”.  Faccio osservare l’esito di verità cui il processo tende non è posto a carico di uno o dell’altro dei suoi protagonisti, ma è il risultato della corretta dialettica tra di essi. Per questo è la Costituzione, all’art. 111, che proclama solennemente quel principio di parità tra le parti che Spataro disconosce. Quanto agli avvocati, non è vero che l’incarico professionale li ponga in una condizione di mera esecuzione della volontà e degli interessi del cliente: la legge che reca l’ordinamento professionale assicura infatti la libertà, autonomia ed indipendenza anche nei confronti del proprio assistito, posizione resa chiara dall’impegno solenne, sempre previsto dalla L. 247/2012, a osservare i doveri della professione “per i fini della giustizia”. E’ davvero triste che di questo ruolo non si abbia consapevolezza proprio da chi porta la toga come noi.

Contatti

FANTIGROSSI STUDIO LEGALE

sede di MILANO

PIAZZA BERTARELLI N.1
20122 MILANO
TEL. 02.86450084 - FAX 02.867613
studiolegale@fantigrossi.it

FANTIGROSSI STUDIO LEGALE

sede di PIACENZA

LARGO MATTEOTTI, n.7 – PALAZZO BORSA
29121 PIACENZA
TEL. 0523.336694 - FAX 0523.335956
piacenza@fantigrossi.it

Seguici

© 2021 Fantigrossi Studio Legale - P.Iva/C.F.: 00406130336 - Privacy Policy